.
Annunci online

orchestrateatralica progetto artistico di teatro sociale e politico
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


Profilo Facebook di Giovanni Avolio

20 maggio 2010
arte
spettacolo prossimo
Dopo un anno di intensa attività di produzione...
l'Orchestra Teatralica comincia a raccogliere i frutti!!!
Per seguirci in questa primavera/estate (che tarda ad arrivare) siamo lieti di presentarvi

31 maggio - ore 21.30
Roma - CIP - Via delle ciligie 42
e
5 giugno - ore 21
Università di Cassino

BRECHT A BABILONIA

una produzione Grocho Teatro e Orchestra Teatralica
con il sostegno del Circolo Gianni Bosio

Attori: Giovanni Avolio, Mara Calcagni, Raffaele Schettino
Disegno Luci: Mauro Buoninfante 


    Un giorno, un medico consigliò ad un malinconico re di indossare la camicia di un uomo perfettamente felice! I servi del re partirono ma nessuno sembrava essere completamente felice. Alla fine, trovarono un uomo, povero, ma alla cui felicità nulla mancava: solo che non possedeva una camicia.

Due ricercati decidono di fondare una città, la città del divertimento e dello svago: Babilonia, la città della libertà.
La felicità si può comprare? A Babilonia sì! Se hai denaro, puoi fare tutto: sesso, tranquillità, alcol. Ma…ma qualcosa manca. Cosa? L'umanità. Quella non si compra, quella si scopre e il denaro non serve proprio a niente per questo.
Franc Fabec, un avventore giunto a Babilonia, questo lo capisce in azione: ha lavorato per anni per godersi i propri risparmi, ma si rende conto che a Babilonia non troverà mai la felicità. E' il disastro incipiente di un uragano a dargli la chiave di svolta: Babilonia diventerà la città della spiritualità. Anche così però la felicità non arriva, tutto si può fare, come si deve, ma niente è cambiato dentro. Fino a quando, dato che ha finito i soldi e non può pagare le bevute, non viene condannato alla sedia elettrica, perché ‘in questo mondo non c'è delitto più grave del non aver denaro'
sfoglia
  




IL CANNOCCHIALE