.
Annunci online

orchestrateatralica progetto artistico di teatro sociale e politico
Cerca

Feed

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 1 volte


Profilo Facebook di Giovanni Avolio

10 luglio 2007
teatro
luoghi comuni
qualcun'altro - terminologia composta da qualche (senso di indeterminazione e indefinitezza), uno (senso di identità), altro (senso di relazione con l'esterno). Termine utilizzato principalmente in costrutti sintattici del tipo "essere qualcun'altro". In queste righe vorremmo semplicemente fare un'invocazione ai giovani e non giovani attori...per favore nelle occasioni di dialoghi con l'esterno, quali interviste, non dite "la meraviglia del teatro è il poter essere qualcun'altro", o, "faccio teatro per essere qualcun'altro", o, "la ricchezza del teatro è poter essere qualcun'altro". Il teatro non è questo, o quantomeno (per i più integralisti del teatro commerciale), solo questo. Per tutti coloro che vogliono essere qualcun'altro consiglio gli stupendi giochi di ruolo live, occasioni bellissime ed anche più entusiasmanti per essere qualcun'altro. Il teatro è principalmente una ricerca di se stessi, delle proprie potenzialità, della propria verità, della propria necessità e sincerità. Queste sono solo alcune delle dimensioni possibili. C'è anche molto altro. Ma essere qualcun'altro...Ci sono situazioni e soluzioni meno portatrici di sofferenze e di fatica dove poter esserlo.

talento - termine abusato dagli addetti ai lavori e dalla gente comune. "Ehi, guarda quanto è sciolto quello, quanto è simpatico, dovrebbe far l'attore", "Ehi quanto è bella quella, quanto è spigliata, quanto racconta bene le barzellette, dovrebbe far l'attrice". E' abituale dire anche "Tua madre spazza veramente bene, dovrebbe fare l'operatrice ecologica", o, "Tuo fratello fa molto bene i conti con la calcolatrice, dovrebbe lavorare a Wall Street". Il talento è un valore tangente al teatro. Non è considerabile spartiacque all'interno dell'insieme teatro. La propensione allo studio e all'aggiornamento è un valore centrale e fondante.

tv - aggeggio portatore di una semantica complessa e diversificata. Può essere portatrice di accezioni positive e negative. Purtroppo a volte entrambe nello stesso tempo.

tv vista dall'universo teatro - mostro d'antica origine leggendaria, tipo il leviatano, fagocitatrice di pubblico, di utenza pagante. In quanto mezzo di comunicazione di massa prevede nella sua stessa essenza la capacità di comunicare ad un largo bacino di utenza. Al contrario del teatro che da molto tempo (tranne, rare eccezioni), è stato un fenomeno di nicchia. Come disse Eugenio Barba durante una conferenza: " Non possiamo obbligare le persone a venire a teatro. In Russia i teatri erano pieni. Ma la gente veniva costretta con le armi. [...] il teatro è un fenomeno di nicchia come la filatelia. Ringraziate che c'è gente che paga per vederlo."
sfoglia
  




IL CANNOCCHIALE